Operazione Prometeo: sulle udienze preliminari dell’11 e 18 novembre 2020

Operazione Prometeo: sulle udienze preliminari dell’11 e 18 novembre 2020

L’11 e il 18 novembre si sono tenute le due udienze facenti parti della più generica udienza preliminare per l’operazione «Prometeo» in cui sono imputati Natascia, Robert e Beppe. Il giudice per l’udienza preliminare di Genova, Claudio Siclari, ha deciso di dividerla in due per far parlare prima l’accusa, impersonata dal pubblico ministero Manotti, e poi la difesa.

Nell’udienza dell’11 il pubblico ministero ha concluso il suo discorsi in pochi secondi chiedendo un lapidario rinvio a giudizio per tutti e tre. Gli avvocati della difesa hanno perciò avuto spazio in entrambe le udienze per esporre le motivazioni con cui chiedevano il ridimensionamento dell’accusa di 280 comma 1 e 3, che con l’aggravante della «letalità» comporta una pena dai 20 ai 30 anni. Per Robert, essendoci  ben due sentenze di cassazione che si erano già espresse sull’assenza di prove, è stato invece chiesto il non luogo a procedere. La difesa ha portato una serie di perizie che constatano pacificamente la non micidialità delle buste, cosa tra l’altro espressa dalle stesse perizie dei RIS [Reparto Investigazioni Scientifiche dei carabinieri] di Parma contenute nel fascicolo d’indagine. Viene da chiedersi allora da dove venga fuori questa fantomatica micidialità, e la risposta sta tutta nella fervida fantasia del pubblico ministero Piero Basilone (titolare iniziale dell’indagine) che in tutto questo tempo non è mai stata avvalorata da alcun dato tecnico o qualsivoglia perizia.

Nell’udienza del 18 il giudice per l’udienza preliminare ha decretato un rinvio a giudizio per tutti e tre, mantenendo lo stesso capo di imputazione iniziale nonostante le perizie presentate.

L’8 febbraio 2021 si terrà la prima udienza di smistamento davanti alla corte d’assise di Genova. Nel frattempo, considerando anche che il capo di imputazione è rimasto invariato, reggono purtroppo i presupposti cautelari per tenere Natascia e Beppe rinchiusi in carcere per un tempo ancora indefinito.

Che ben poco ci si potesse aspettare dall’ennesimo teatrino giudiziario in salsa macchiettistica è scontato: normale amministrazione del potere giudiziario. Lo stesso che si arroga la facoltà di decidere sulle vite altrui per mezzo di una firma distratta, distribuendo mesi di galera e misure restrittive con la stessa noncuranza con cui si gioca ai dadi. Un presente in cui sempre più persone che remano controcorrente possono incappare, una realtà di cui occorre prendere atto e contro cui occorre resistere e lottare e mettersi di traverso con ogni mezzo necessario.

Al fianco di Natascia, Robert, Beppe e tutte le compagne e i compagni prigionieri di un sogno.

La solidarietà è un’arma, usiamola. Continuiamo a far arrivare loro tutta la nostra solidarietà, il nostro calore e affetto.

Per scrivere a Nat e Beppe:

Giuseppe Bruna
C. C. di Pavia
via Vigentina 85
27100 Pavia

Natascia Savio
C. C. di Piacenza “San Lazzaro”
strada delle Novate 65
29122 Piacenza

Per sostenerli economicamente e contribuire alle spese legali:

– Postepay evolution intestata a Vanessa Ferrara n° 5333 1710 9103 5440 | Iban: IT89U3608105138251086351095
– Postepay evolution intestata a Ilaria Benedetta Pasini n° 5333 1710 8931 9699 | Iban: IT43K3608105138213368613377

LIBERTÀ PER NAT E BEPPE
LIBERTÀ PER TUTTE E TUTTI
FUOCO ALLE GALERE E AL MONDO CHE LE PRODUCE