Aggiornamenti sulla sorveglianza speciale ad una compagna a Genova (14.09.2021)

Aggiornamenti sulla sorveglianza speciale ad una compagna a Genova

Nel mese di agosto è stato emesso l’esito dell’appello contro il provvedimento di sorveglianza speciale per una compagna a Genova; la richiesta di revisione della misura, applicata con tutte le restrizioni, è stata respinta ed è risultato evidente come, malgrado l’accusa di terrorismo, pilastro fondamentale del teorema accusatorio, sia caduta, la misura sia stata mantenuta in toto sempre per lo stesso motivo, cioè “l’adesione all’ideologia anarchica”, le “aperte manifestazioni di solidarietà nei confronti dei militanti della Federazione Anarchica Informale”, per “il sostegno agli anarchici detenuti”, per “l’incitamento all’azione diretta”, per la diffusione di materiale controinformativo. Leggi tutto “Aggiornamenti sulla sorveglianza speciale ad una compagna a Genova (14.09.2021)”

Presidio contro la sorveglianza speciale (Genova, 15.06.2021) [it, en]

Presidio contro la sorveglianza speciale (Genova, 15.06.2021)

Dalle lotte contro la devastazione e il saccheggio della terra alle lotte contro le frontiere che dividono gli uomini e spartiscono il mondo, dalle lotte antimilitariste contro i massacri della guerra e i traffici di armi alle lotte di chi si batte contro lo sfruttamento del lavoro… Il nemico è sempre lo stesso: il potere, il dominio neoliberista, il sistema capitalista che tutto arraffa per i privilegi di pochi sulle spalle di molti. Leggi tutto “Presidio contro la sorveglianza speciale (Genova, 15.06.2021) [it, en]”

Un’altra richiesta di sorveglianza speciale a Genova (aprile 2021) [it, en]

Un’altra richiesta di sorveglianza speciale a Genova

Il 20 aprile 2021 è stata notificata una nuova richiesta di sorveglianza speciale ad una compagna genovese, a distanza di soli tre mesi dall’applicazione di quella richiesta precedentemente per un’altra compagna. L’impianto accusatorio è ben chiaro: il pubblico ministero Federico Manotti, seguendo le linee guida della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, orchestra anche a Genova la “solita” indagine sulla falsariga di altre sul territorio nazionale, cercando di sfruttare la suggestione di un presunto reato associativo già più volte rigettato dallo stesso tribunale per la sua palese inconsistenza. Leggi tutto “Un’altra richiesta di sorveglianza speciale a Genova (aprile 2021) [it, en]”

Aggiornamenti sulla repressione anti-anarchica (gennaio-febbraio 2021) [it, en]

Aggiornamenti sulla repressione anti-anarchica (gennaio-febbraio 2021)

Beppe trasferito dal carcere di Pavia a quello di Bologna (25.01.2021)

Il giorno 21 gennaio Giuseppe Bruna è stato trasferito dal carcere di Pavia a quello di Bologna. Dice che il viaggio è andato bene e che ora si trova in quarantena-isolamento in una sezione apposita per la gestione del Covid-19. È stato collocato in AS3 [Alta Sorveglianza 3] e gli è stato fatto un tampone rapido risultato negativo. Dice che ha pochi francobolli. Leggi tutto “Aggiornamenti sulla repressione anti-anarchica (gennaio-febbraio 2021) [it, en]”

Contro la sorveglianza speciale. Presidio itinerante (Genova, 16.01.2021) [it, en]

CONTRO LA SORVEGLIANZA SPECIALE
dei nostri pensieri, dei nostri comportamenti, delle nostre idee e relazioni

Di questi tempi il mantra della Sicurezza risuona più che mai in strade straripanti di brutti soggetti in divisa pronti a reprimere con tutti i mezzi a loro disposizione: dalla multa al manganello, perpetuando di fatto una guerra nei confronti degli sfruttati, degli immigrati, di chi vive di espedienti ed in generale di chi non si adatta e prova a non chinare la testa di fronte a questa “normalità” fatta di distanza, occhi bassi, di bocche coperte da mascherine e di un’aria irrespirabile, più che per il paventato virus respratorio per un morbo che sembra essere entrato in ogni alveolo della vita: quello del dominio e del controllo. Leggi tutto “Contro la sorveglianza speciale. Presidio itinerante (Genova, 16.01.2021) [it, en]”

Sulla situazione repressiva in Trentino [it, en]

Sulla situazione repressiva in Trentino

Non è certo una novità che le operazioni poliziesche, le condanne e le più svariate misure repressive vadano a ricadere sulla testa di anarchiche e anarchici. Negli ultimi tempi l’attacco dello Stato si è intensificato in tutta la penisola, dalle condanne pesantissime di Scripta Manent, alle accuse di strage nei confronti di Juan, alle innumerevoli operazioni anti-anarchiche. Leggi tutto “Sulla situazione repressiva in Trentino [it, en]”

Momento solidale in piazza Banchi a Genova e due testi sulla sorveglianza speciale

Il mese di novembre in corso, come molti sapranno, si presenta ricco di sgraditi appuntamenti nei tribunali delle nostre città.

Già calendarizzate da un po’ di tempo le udienze dell’operazione «Prometeo» presso il tribunale di Genova (11 novembre, 18 novembre) che vedono imputati Beppe, Natascia e Robert. Si sperava nella possibilità di strappare un saluto ai due compagni detenuti che hanno appena sostenuto scioperi del carrello e della fame viste le condizioni detentive in cui si trovano da diverso tempo, ma non verranno tradotti in tribunale per partecipare dal vivo alle udienze a causa dell’attuale situazione Covid, ottimo pretesto per continuare con l’ignobile video conferenza. Inoltre per Beppe il giorno 24 si terrà un’udienza relativa al posizionamento di un ordigno nei pressi di una posta della città di Genova nel 2016, fatto per il quale è l’unico accusato. Poste italiane che in quel periodo subivano attacchi in tutta la penisola a causa della collaborazione nell’espulsione degli immigrati attraverso la compagnia Mistral Air oggi Poste Air Cargo. Leggi tutto “Momento solidale in piazza Banchi a Genova e due testi sulla sorveglianza speciale”

Spoleto, 14.03.2020: Voci dal confino. Momento di informazione sulla sorveglianza speciale

Spoleto, 14.03.2020: Voci dal confino. Momento di informazione sulla sorveglianza speciale

«[…] Immagina che, da un momento all’altro, la tua libertà possa essere limitata dallo Stato. Di non poterti spostare dal comune o dalla provincia di residenza, di non poter partecipare a manifestazioni o riunioni, di dover rientrare a casa a una certa ora della sera e non poter uscire prima di una certa ora della mattina. Che ti venga ritirata la patente e il passaporto, che ti venga imposto di presentarti dagli sbirri ogni volta che ti convocano, e di dover comunicare loro ogni tuo spostamento. Immagina di non poter vedere i tuoi amici se hanno riportato delle condanne. E di poter rischiare fino a 5 anni di carcere tutte le volte che non ti attieni a queste prescrizioni.
Questi sono solo alcuni degli obblighi che possono essere imposti con la Sorveglianza Speciale. Una misura di polizia della Repubblica Italiana, ereditata dal vecchio Regno liberale e poi dal fascismo, che permette allo Stato di sorvegliare e punire quanti gli sono sgraditi in base a una semplice opinione di un magistrato riguardo la loro “pericolosità sociale”, senza dover affatto provare il compimento di specifici reati […]». Leggi tutto “Spoleto, 14.03.2020: Voci dal confino. Momento di informazione sulla sorveglianza speciale”

Verona, 16.11.2019: Presentazione del libro “I giustizieri” all’iniziativa Le colline hanno gli occhi. Una giornata contro la repressione e la sorveglianza speciale

Verona, 16.11.2019: Presentazione del libro “I giustizieri” all’iniziativa Le colline hanno gli occhi. Una giornata contro la repressione e la sorveglianza speciale

Venerdì 15 novembre

Ore 21.00: Cena.

A seguire: Eddi Mondo, cantautore anarchico + Bar e djset Peppe from Sicily.

Sabato 16 novembre

Ore 13.00: Pranzo solidale e due parole sulla repressione sbirresca.

Ore 16.00: Tutti in città per la presentazione, in piazza, del libro “I giustizieri. Propaganda col fatto e attentati anarchici di fine Ottocento” (Edizioni Monte Bove, 2018), con l’autore Gino Vatteroni.
A seguire: Volantinaggio per le vie di Verona.

Ore 20.00: Cena benefit e concerti con Cimex (anarcopunk, Treviso), Stasis (crustpunk, Bologna), Fel-d1 (anarcopunk, Genova), Dromspell (d-beat, Roma), Schifonoia (hardcore, Bologna), Le bambine barbute di donna concetta (hardcore, Treviso), Mental alchemist hz432 (tekno tribe livest, Sicilia).

Ci possono controllare, reprimere, rinchiudere tra quattro mura ma non riusciranno ad ingabbiare i nostri pensieri, la nostra fame di rivolta e la nostra sete di libertà. La solidarietà è un arma, usiamola! Leggi tutto “Verona, 16.11.2019: Presentazione del libro “I giustizieri” all’iniziativa Le colline hanno gli occhi. Una giornata contro la repressione e la sorveglianza speciale”